Pepe Nero e Piperina: alleati della salute

pepe nero

Il potere terapeutico del pepe nero era già riconosciuto nell’antichità. Gli Egizi ad esempio, lo utilizzavano nella miscela di sale e menta per pulire i denti. Ippocrate lo consigliava mescolato a miele e aceto come medicamento per i dolori ciclici femminili e Plinio il Vecchio, nella sua Historia naturalis, ne parlava diffusamente. A quei tempi il pepe era una merce talmente preziosa da essere utilizzato come moneta di scambio. Nei paesi asiatici infatti, fu uno dei primi prodotti ad essere commercializzato.

Il pepe nero è una pianta perenne originaria dell’India e appartenente alla famiglia delle Piperacee. Il suo nome scientifico è Piper Nigrum. La pianta può raggiungere i quattro metri di altezza con frutti che, a maturazione, diventano di color rosso e contengono al loro interno un solo seme. La raccolta del pepe nero comincia quando i frutti sono ancora acerbi. Questi, vengono passati in acqua bollente per qualche minuto e in seguito vengono messi ad essiccare per alcuni giorni. È durante questa fase che il pepe si disidrata ed assume il caratteristico colore nero.

Pepe nero: caratteristiche e proprietà

Il pepe nero è ricco di composti antiossidanti che combattono i radicali liberi e minimizzano i segni dell’invecchiamento cellulare. Già nell’antichità era utilizzato come antibatterico e fluidificante in caso di sinusite e congestione nasale. Una delle proprietà universalmente riconosciute al pepe nero è però quella digestiva. Infatti, grazie alla capacità di aumentare la termogenesi, stimola il metabolismo e permette di bruciare fino al 10% in più di calorie durante il pasto.

I benefici della spezia sono da attribuire alla presenza di piperina che, oltre a favorire la produzione dei succhi gastrici, sostiene l’assorbimento del selenio, delle vitamine di tipo B, del carotene e di altri nutrienti contenuti nel cibo. Di fatto, facilita la digestione e apporta benefici in caso di diarrea, stitichezza e coliche. Inoltre, il pepe nero, previene la formazione di gas intestinali ed è in grado di aumentare sudorazione e minzione, facilitando l’espulsione delle tossine dal corpo. Ma i benefici della piperina non finiscono qua…

La piperina, oltre a stimolare gli enzimi del pancreas ed aumentare le capacità digestive, stimola la produzione di endorfine nel cervello, agendo come un antidepressivo naturale. Inoltre, pare sia un valido contributo per contrastare i disturbi della funzione cognitiva, stimolando i percorsi neurali del cervello. Infine, stimolando la pigmentazione della pelle è anche un valido alleato per l’abbronzatura e contro la vitiligine.

pepe nero

Effetti collaterali della piperina

Se pensate di assumere piperina in capsule è obbligatorio un parere medico. Piperina e pepe nero sono infatti sconsigliati a ipertesi o a persone con problemi di ulcera ed emorroidi ma, assunto durante i pasti non può che potenziare il gusto e gli effetti salutari degli alimenti. Imparare ad usare le spezie in cucina è sicuramente un primo passo verso una corretta alimentazione oltre che un metodo efficace per assumere elementi naturali funzionali all’organismo.

A corto di idee per la tua dieta?

Scarica gratis la raccolta di ricette per mangiare sano senza rinunciare a piatti gustosi

Clicca qui

Pasta di Grano Antico Senatore Cappelli con Curcuma & Pepe Nero

Riduci l’accumulo di grassi, aumenta la sazietà e accelera il tuo metabolismo​

Vai allo shop

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin